Enrico Elena

Enrico Elena

mercoledì 28 luglio 2010

l'incontro dei fratelli





Oggi c'è stato un'altro incontro importantissimo quello dei quattro fratelli. Fin dal primo momento eravamo cosapevoli dell'importanza di valorizzare questo legame. Il pretesto è stato festeggiare il compleanno di Elena e la torta li attendeva. Nelson è il fratello che più manifestava la volontà e l'impazienza di incontrarli. L'incontro era per le 15,30 , Nelson mi ha chiesto l'ora ogni 10 minuti dalle 14,50 alle 15,40. ARRIVANO suona il campanello nasce spontaneo un abbraccio in pochi minuti ci troviano noi quattro adulti in salotto e loro nella camera a giocare, raccontarsi, fare le lotte. Noi cominciamo a confrontarci e scopriamo similitudini tra il i maggiori Nelson e Miguel e i più piccoli Bryan e German.
Tutto si svolge nella massima armonia e allegria, si gioca si mangia la torta si scattano le foto (tutti si prodigano nello scatto, scoprite la persona mancante e troverete l'autore della foto).
Passa così un'oretta e quindi arriva il momento di congedarci.
E qui arriva l'inaspettato .............
Miguel non vuole lasciare l'appartamento per non dividersi da German a cui è molto legato.
La cosa ci coglie impreparati poi decidiamo di uscire tutti assieme e così facendo le famiglie si ricompongono. Mentre passeggiamo siamo ancora scossi, finchè arriviamo ad uno spiazzo dove con la palla portata da Diego i quattro bambini cominciamo a giocare a calcio, l'aria si stempera e ci si lascia con l'appuntamento per l'indomani al parco per una partita di calcio, tutti assieme.
Insomma la giornata si conclude in serenità.
Quello che ci rimane è l'unione delle due famiglie in una sola e il valore della Fratria tutti valori che ci ci erano stati introdotti e che ora diventano il cemento su cui rifondare la vita di questi giovani fanciulli.
Domani tutti al Parque Bosche Popular!!!
Enrico Elena & hermanos

3 commenti:

  1. Non c'è che dire il calcio unisce.... vero Enrico? anche se i colori delle maglie son diversi ....

    Bella prova avete superato...bravi a tutti e quattro e bravi ai piccoli che domani si faranno una scorpacciata di emozioni al Parque Bosque Popular...

    P.S.:
    Non c'è che dire nell'uso della macchina fotograsfica i piccoli surclassano gli adulti

    Buona continuazione e a presto a Cartagena de la Indias...

    RispondiElimina
  2. CARISSIMI TUTTI: che emozione vedervi tutti assieme in questa vostra famiglia, che secondo l'accezione moderna, potrà ora definirsi una famiglia estesa....e che bei volti distesi e sorridenti! Lucia e Diego, siete irriconoscibili!!!Elena ed Enrico avete la luce negli occhi!!! E che belli i vostri figli: è vero Elena il vostro Nelson esprime chiaramente la spinta protettiva nei confronti dei fratelli, sarà un'aspetto da tenere sempre molto sotto controllo, perchè è un elemento di rischio, che può abilmente e con tatto essere trasformato in elemento di forza. e' comunque il segnale di un legame forte che connota tutti i fratelli e che non bisogna dimenticare: sarà questa la grande sfida che vi attenderà tutti voi 4 genitori per tutta la vita: salvaguardare questo legame,ovviamente nelle forme e nei modi che il futuro renderà possibili, sulla base dei singoli percorsi di crescita dei 4 ninos.
    A proposito il fotografo è Miguel: ehhh papà Diego ora ci fa un saluto alla sua Nikon
    Aggiungo: evviva il potere del pallone... una risorsa inaspettate cherisolve una situazione critica, che pteva diventare assai pesante e di difficile soluzione, con reazioni anche difficili da parte dei ragazzi. BRAVO PAPA' ENRY !!! L'esperienza vi insegna ce inizialmente i moneti della separazione, dopo gli incontri, potranno presentare delle criticità:per ciò cercate sempre di lavorare preventivamente all'incontro, spiegando bene a tutti i ragazzi cosa accadrà quando si incontreranno e che poi ci sarà il momento dei saluti e ciascuno tornerà nella propria casa, ma che poi ci saranno altre occasioni per rincontrarsi, e che le separazioni non saranno mai definitive.Ricordate che l'abbandono e la separazione costituisce l'imprinting della vita di questi ragazzi e quindi rimarrà sempre motivo di grande paura per loro.
    Bene ora che ho fatto la "professoressa" e ho impartito la mia "prima perla di saggezza quotidiana": posso andare a lavarmi, perchè la prima cosa che faccio al mattino appena sveglia ... non è andare al bagno come fanno tutti, ma collegarmi ai vostri blog...
    un caro anzi carissimo abbraccio
    Monica.

    RispondiElimina
  3. Ciao fantastici otto. Che dire di quattro apprendisti genitori che ci donano e ci fanno partecipi di esperienze così forti e difficili. Vi ringrazio per le emozioni che trasmettete e per le persone che vi seguono, Monica e Giuseppe in primis, che con i loro consigli aiutano anche noi. Bravi, e tenete sempre a portato di mano le considerazioni che Monica ha appena scritto. Le difficoltà e le sofferenze, lo sapete bene, portano ai traguardi più belli.
    Un grosso bacione ai bimbi e un abbraccio forte a voi.
    Riccardo, Michela e la banda bassotti

    RispondiElimina