Enrico Elena

Enrico Elena

venerdì 30 luglio 2010

otro dìa que pasò


Carissimi tutti, grazie per i vostri consigli e la vostra vicinanza.... Stavo pensando oggi a quanto si cambia e ci si adatta alla vita in evoluzione. Noi pseudo-genitori ( non so esattamente quando si diventa genitori bravi o quasi bravi o forse lo si diventa pezzetto per pezzetto ogni giorno affrontando in modo flessibile ciò a cui i fanciulli più o meno pestiferi ti sottopongono...). Io e Lucia: due donne, due lavoratrici indefesse (Lucia spesso in giro per il mondo) impegnate nella propria professione quasi fosse una missione...Ci sentivamo mesi fa prima della nostro passo in Colombia, sempre stanche, soddisfatte, ma stanche, precise, di acciaio, sempre avanti, perfezioniste, ognuna nel proprio campo. Ieri osservavo la mia amica-mamma in piscina mentre ci scambiavamo uno sguardo veloce sulle magliette luride, zeppe di medaglie ricordo dell'ultimo gioco o partita di football dei ns amatissimi ninos....e non ci siamo scomposte di una virgola, eravamo serene, tranquille - laddove magari mesi fa avremmo (con la testa di prima) preso in mano la situazione subito- abbiamo risposto alle loro domande con calma e poi ci siamo girate verso il sole per goderne fino all'ultimo raggio di calore, conscie del fatto che un'altra maglietta con qualche patacca-ricordo era già pronta per il pomeriggio ...giusto per finire di sporcarla.
Oggi che è successo??? Mah godetevi le filmine (speriamo che si riescano a vedere) e qualche foto...
Lucia oggi non era al parco con noi perchè era a casa a riprendersi dal virus che sta mietendo vittime in tutta Manizales....e quindi io circondata da tutti maschi che giocavano a calcio ho pensato bene di dilettarmi in riprese di vario tipo...calcio, carros cochones (autoscontri) e giochi vari...fino all'ora di pranzo. Il mio Nelson dopo un cucchiaio di sciroppo ieri si è ripreso alla grande ..e oggi era una belva pronta a qualsiasi scontro sportivo.
Ieri come oggi il ns Germàn ha fatto i capricci prima di cena (ieri) e prima di pranzo (oggi) rispettivamente per un succo di frutta e per un sacchetto di patatine...e ha pianto disperatamente - Lui vorrebbe tutto subito quello che gli passa per la testa nonostante gli spieghiamo molto bene nella sua lingua madre che il succo e le patatine arrivano nel pomeriggio come merenda e che la promessa la manteniamo mentre ora lui deve rispettare le regole del pranzo e della cena. In questa ns spiegazione siamo fortemente supportati da Nelson che è un vero ometto e che non fa altro che ribadire ciò che abbiamo appena detto......niente da fare..Germàn "il ciclone" persiste .....e dopo la tempesta e le coccole di papà arriva finalmente la quiete e tutto torna come prima. Germàn ricomincia a trotterellare per casa come nulla fosse e a cantare la Cucaracha ..la cucaracha que no puede caminar que le pasa que le pasa...
In casa oramai si parla uno spagnolo misto all'italspagnolo-lidense (come dice Lucia) di Enrico..una meraviglia..un misto mare di lingue...Nelson spesso mi chiede "mami come se dice esto en Italiano??" e io traduco e lui memorizza di tutto, inghiotte ogni giorno parole nuove e il "pequenito" come l'ho soprannominato io (Germàn) ripete tutto come una cantilena e inconsapevolmente impara. ah sì quanto mi piace questa integrazione di amore composta da coccole italo-spagnole.... Adessso qui sono le 11 di sera, i bambini, dopo spente le luci, e dopo un po' di cuscinate e lotte ... ecco come si sono addormentati.... non sono meravigliosi???
Ora andiamo a nanna anche noi
Buenas noches Elena Enrico y familia


5 commenti:

  1. Giorno dopo giorno si percepisce qualcosa che cresce....

    forza che si parte per Cartagena

    RispondiElimina
  2. CARISSIMI, che meraviglia vedervi, ho postato un discorsetto sul blog di Lucia e Diego, che vale anche per voi e quindi non lo ripeto altrimenti divento noiosa.
    Che belle le vostre riflessioni sulla incredibile e imprevedibile trasformazione delle donne in carriera in madri super rampanti, eh... come si cambia....non lo vareste mai pensato eh...? uante altre trasformazioni vi aspettano, e tutto per merito dei vostri meravigliosi e "faticosi" figli e per merito di un AMORE COSI' GRANDE, che avete costruito e coltivato per tanti anni e che ora state facendo uscire come una cascata.
    ADELANTE E continuate così.
    besos besos Monica

    RispondiElimina
  3. Finalmente riesco a entrare.....
    Che bello leggervi. Leggo tutte le news dei Fantastici quattro e...siete grandi.
    Lucia e Diego sono di Pordenone mi pare di capire...quanti anni hanno i due bimbi?

    Quando osservava che fra 50 giorni inizia la scuola mi è venuto un flash (sempre che non ci abbiano già pensato)...se serve, pronto a dare una mano

    RispondiElimina
  4. Cara Elena mi fa bene al cuore sentire tanta serenità nelle tue parole! Sono proprio le parole di una mamma e se è vero che ogni giorno ti stai "costruendo" in questa nuova professione, sicuramente hai imboccato la strada giusta. Un abbraccio caloroso e un po' "materno" da Michela. Un saluto anche a tutta la tua ciurma da tutta la mia ciurma.

    RispondiElimina