Enrico Elena

Enrico Elena

domenica 29 agosto 2010

Complesso di Edipo?




Carissimi tutti,
eccomi qui dopo un bel po' di avventure e disavventure...ora la bota italica (lo stivale italico) come la chiamano i ns ninos ci manca proprio....abbiamo voglia di rientrare.
E mentre attendiamo il 1 settembre - giorno di partenza - visitiamo, giriamo, ci incontriamo con altre coppie, andiamo in piscina, frequentiamo luoghi di giochi interattivi come il Maloka e il Divercity....Mai viste in Italia così tante attività dedicate ai più piccoli e agli adolescenti.
Bogotà è ben attrezzata in questo senso.
Ma vorrei dedicare lo spazio di oggi all'argomento del titolo. La piccola peste che il destino ci ha riservato continua a metterci alla prova ma in modo sempre meno intenso. Sembra molto più sereno, anche se il caratterino si mantiene tosto.
Il pequenito in questione si infastidisce pure quando io e papà ci scambiamo qualche coccola (sempre più diradate in questo ultimo periodo) intromettendosi fra noi e dicendo a papà "esa es mi novia" - questa è la mia ragazza - Manda via il papà - pur essendo innamorato del suo papà, compagno di giochi continui - e gli dice vai via perchè la tua novia (ragazza) è mamma Lucia - la mamma dei suoi fratelli - (oppure l'avvocata Angela) e non vuole sentirsi dire che siamo sposati. La mamma è mia - dice - e mi riempie di bacetti pur di bloccare le coccole di papà. Quindi cerca per il papà un'altra donna. Teniamo presente che gli unici momenti affettuosi che mi riserva sono questi perchè il resto lo dedica tutto a papà.
Dagli studi fatti tanti anni fa mi pare che siano i bimbi abbastanza piccoli a desiderare di essere gli amanti esclusivi della mamma e tendono a eliminare il papà e viceversa per le bimbe.
Probabilmente in Germàn questo evento sta prendendo piede qualche anno dopo rispetto a quello che la psicologia infantile prevede.
La bestiolina, vulcano in eruzione continua, però offre spunti per parlare con Nelson, il quale dopo le dichiarazioni del fratellino ci chiede esattamente quando ci siamo sposati e ha scoperto che ci siamo sposati nel 1994 e che lui è nato 4 anni dopo: era tutto sorpreso e divertito.
Nelson si comporta sempre da ometto - però qualche piccolo cedimento inizia ad averlo - l'altra mattina mi ha chiesto di mettergli i calzini e io l'ho fatto volentierissimo perchè finalmente qualche volta dimostra anche lui di aver bisogno della mamma e di tornare ad essere un po' più piccolo.
Nelson inoltre è gelossissimo del papà quando gioca con Germàn e papà Henry deve gestirsi situazioni veramente complicate. Nelson gli sale sulla schiena mentre il pequenito schiamazza sopra la sua testa e si urtano, si spintonandosi perchè ognuno vuole la sua parte.
Sono sempre due piccole belve quando preparo la carne sui piatti: infatti non c'è il problema di avanzare cibo - specialmente carne - perchè ripuliscono anche il mio piatto appena mi giro per prendere altra pietanza o per parlare. Stiamo lavorando in questo senso per farli smettere di ripulire anche i piatti altrui perchè così va a finire che mangio ancora meno delle quantità che mi prefiggo di mangiare ad ogni pasto e non è poi un granchè piacevole da vedere.
Giorno dopo giorno ci sono miglioramenti e ci imitano in tutto, abitudini, gesti, espressioni.
Nelson vuole capire tutto quello che ci diciamo e si scoccia se non comprende quello che a volte ci diciamo in italiano. Io mi sono stancata di tradurre e spesso ci capita di parlare direttamente in spagnolo anche tra di noi.
Enrico sta migliorando molto il suo spagnolo lidense e ora vorrei dire che è proprio autonomo a spiegarsi con taxisti, e per chiedere informazioni ovunque....
I bimbi capiscono quasi tutto ciò che ci diciamo in italiano e Nelson è abbastanza autonomo nel rispondere al telefono agli zii Diego e Lucia...

Arriviamo presto e stiamo aspettando con ansia che il 31 agosto l'ambasciata ci rilasci il documento di permesso di viaggio che dura 3 gg per rientrare in Italia. Speriamo che il buon Dio guardi giù e che non ci siano altri problemi. Aida, la ns referente del Bienestar Familiar qui a Bogotà ci ha detto di non preoccuparci e noi confidiamo nel fatto che tutto proceda per il meglio per potervi abbracciare sopra l'amatissimo suolo italiano.

Hasta pronto!
Elena

5 commenti:

  1. Molto bene ragazzi: ciò che descrivete rientra tutto nella norma...comprese le gelosie varie. "Purtroppo" per papà Henry la situazione risulta più complessa, visto che si tratta di due figli maschi, di cui uno adolescente, entrambi con modalità e intensità diverse hanno bisogno di identificazione paterna... ma tu Elena non prendertela comoda, l'attaccemento avverrà anche con te, non in termini di complesso edipico, ma certamente, i due "barracuda" troveranno il modo di mangiarti per benino....
    Niente che non si possa comunque affrontare... tanto ormai siete abituati a tutto.
    Solo una precisazione : Aida non è la referente dell'ICBF, ma la rappresentante della Dimora Onlus in Colombia.
    Besos A todos e vi aspettamo
    Monica

    RispondiElimina
  2. ragazzi....BUON RIENTROOOOOOOO!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Ci siamo quasi... Siete veramente in gamba!!!!

    RispondiElimina
  4. Forza Famiglia...noi siamo qui che3 vi aspettiamo!!!!
    L & M

    RispondiElimina
  5. Pronti.....VIAAAAAAAAAAA!!!!!!!!

    RispondiElimina